SCIENZE PEDAGOGICHE

Immatricolazioni SCIENZE PEDAGOGICHE

StrutturaDIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE, FILOSOFICHE E DELLA FORMAZIONE
Anno Accademico2020/2021
Tipo di CorsoCORSO DI LAUREA MAGISTRALE
NormativaD.M. 270/2004
Anni2
Crediti120
ClasseLM-85 - Classe delle lauree magistrali in Scienze pedagogiche

La LM 85 "Scienze Pedagogiche" intende formare persone con una solida competenza nell'analisi pedagogica della realtà e una chiara capacità di impostare e gestire attività di ricerca, progettazione e consulenza in ambito educativo. La formazione fornita dalla classe è funzionale al raggiungimento di idonee conoscenze e competenze pedagogiche di secondo livello, riconducibili al quadro complessivo della scienza pedagogica, corrispondenti al livello 7 del Quadro Europeo delle qualifiche per l'apprendimento permanente, di cui alla raccomandazione 2017/C 189/03 del Consiglio (22 maggio 2017).

Gli sbocchi occupazionali previsti per la laurea magistrale in Scienze pedagogiche sono individuabili nella gestione di processi di alta complessità formativa e operativa.

Per ciò che riguarda l'insegnamento, il Corso di Laurea Magistrale fornisce, con la corrispondente laurea triennale, i requisiti, anche didattici, per l'insegnamento nella classe A018, previo concorso pubblico,

Per ciò che riguarda gli altri ruoli professionali, essi sono individuabili all'interno della categoria 3424 "Tutori, istitutori e insegnanti nella formazione professionale ed assimilati" e 265 "Altri specialisti dell'educazione e della formazione" della classificazione delle professioni dell'ISTAT, in particolare:

• operatore interdisciplinare sulla dimensione educativa nei sistemi complessi;

• formatore dei formatori;

• consulente esterno rispetto ai sistemi scolastici;

• pedagogista con competenze in ambito clinico;

• consulente pedagogico, in strutture pubbliche e private, relativamente a tutte le dimensioni dei problemi educativi e formativi (famiglia, scuola, tribunali e strutture rieducative per minori e i giovani, adozione e interventi sociali rivolti all'infanzia), elaborazione di progetti formativi;

• consulente pedagogico di attività di servizio, di progetti di programmi culturali, direttamente o indirettamente destinati all'infanzia;

• consulente pedagogico e coordinamento di attività, direttamente o indirettamente educative, in contesti multiculturali con particolare attenzione alla gestione delle relazioni interculturali; di valutazione e monitoraggio di interventi educativi e formativi di vario livello; di campagne informative nei campi predetti.

Pedagogista esperto nella ricerca educativa, consulente pedagogico, docente in discipline pedagogiche

Funzione nel contesto lavorativo

I laureati nella classe operano in regime di lavoro dipendente, autonomo/libero-professionale o parasubordinato, all'interno di organizzazioni e sistemi pubblici e/o privati o di terzo settore, in qualità di pedagogisti esperti nella ricerca educativa, coordinatori, supervisori, consulenti pedagogici in tutti gli ambiti e i contesti che richiedano risposte pedagogiche qualificate: nei servizi alla persona, ai gruppi, alle comunità, in campo educativo, sociale, socio-sanitario (specificamente per gli aspetti socio-educativi) e assistenziale, oltre che in istituzioni educative e scolastiche, in agenzie di formazione professionale, in servizi e strutture socio-culturali, giudiziarie, sportive e motorie, della genitorialità e della famiglia nelle varie fasi del corso della vita.

Competenze associate alla Funzione

Le competenze più qualificanti del laureato in Scienze Pedagogiche consistono nel:

- progettare i contenuti e l'articolazione didattica di interventi formativi

- coordinare l'attività didattica

- svolgere colloqui con i docenti, gli studenti o le famiglie

- svolgere attività didattica (in aula, in laboratorio, ecc.)

- individuare e analizzare i bisogni formativi

- curare i rapporti con enti pubblici e società di formazione

- fornire consulenze in materia di didattica, sperimentazione e ricerca educativa;

- lavorare nelle équipes psico-pedagogiche;

- preparare i materiali didattici

- predisporre test di verifica dell'apprendimento

- curare la formazione e l'aggiornamento dei formatori

- predisporre e presentare progetti di ricerca su formazione e orientamento

- progettare corsi o attività formative/lavorative

- monitorare e valutare le attività di formazione

- sviluppare percorsi formativi mirati

-svolgere attività di tutoraggio, di guidance e di mentoring per diverse tipologie di difficoltà e disagio,

Sbocchi Professionali

Gli sbocchi occupazionali preferenziali sono:

- nelle strutture educative pubbliche o private, con funzioni di consulenza in relazione alle dimensioni complessive dei problemi educativi e formativi o con funzione di coordinamento e direzione di specifiche attività di servizio (progetti e programmi culturali);

- negli Enti locali, nel ruolo di coordinatore e consulente in attività direttamente o indirettamente educative in contesti multiculturali nonché in processi di valutazione e monitoraggio degli interventi formativi nonché di campagne informative.

Inoltre, i laureati possono trovare occupazione nell'ambito dell'insegnamento dopo aver completato il processo abilitativo e concorsuale previsto dalla normativa vigente

Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze pedagogiche e psicologiche2.6.2.5.2
Esperti della progettazione formativa e curricolare2.6.5.3.2
Consiglieri dell'orientamento2.6.5.4.0
Maurizio CAMBI
Carmelo COLANGELO
Enrica LISCIANI PETRINI
Paola MARTINO
Giuseppe MASULLO
Giuseppe Maria VISCARDI
Giuseppe Maria VISCARDI
Giovanna TRUDA
Marinella ATTINA'
Maurizio CAMBI
Fabia Murano
Giovanna Piliero
Fonte AVA-SUA
  • Didattica