ORGANIZATIONAL CHANGE MANAGEMENT

Internazionalizzazione della Didattica ORGANIZATIONAL CHANGE MANAGEMENT

0222100135
DIPARTIMENTO DI SCIENZE AZIENDALI - MANAGEMENT & INNOVATION SYSTEMS
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE
CONSULENZA E MANAGEMENT AZIENDALE
2021/2022

OBBLIGATORIO
ANNO CORSO 1
ANNO ORDINAMENTO 2014
SECONDO SEMESTRE
CFUOREATTIVITÀ
630LEZIONE
Obiettivi
IL CORSO FORNISCE I MODELLI TEORICI E GLI STRUMENTI APPLICATIVI A SUPPORTO DEL CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO NELL'AMBITO DEL SOCIAL INNOVATION MANAGEMENT.
GLI STUDENTI SARANNO IN GRADO DI INDIVIDUARE LE PRINCIPALI LEVE ORGANIZZATIVE DA MANOVRARE ALLO SCOPO DI CONSEGUIRE CONDIZIONI DI SOSTENIBILITÀ NEI PROCESSI DI CHANGE MANAGEMENT.


Prerequisiti
NESSUNO
Contenuti
GESTIONE DEL CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO: PRINCIPALI TEORIE (8 ORE)
FORZE DEL CAMBIAMENTO (6 ORE)
INERZIE E RESISTENZE AL CAMBIAMENTO (6 ORE)
APPROCCI ALLA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO (6 ORE)
EMPOWERMENT DEL PERSONALE (4 ORE)
Metodi Didattici
LE ATTIVITÀ DIDATTICHE SARANNO DI TIPO MISTO. A SESSIONI TEORICHE, CONDOTTE ATTRAVERSO LEZIONI FRONTALI E SEMINARI, SEGUIRANNO EPISODI DI INTERACTIVE LEARNING E DI APPRENDIMENTO ESPERIENZIALE. IN QUESTE ULTIME CIRCOSTANZE, GLI STUDENTI SARANNO CHIAMATI A PARTECIPARE A GRUPPI DI LAVORO, A CIASCUNO DEI QUALI SARÀ ATTRIBUITO UN OBIETTIVO PROGETTUALE, OGGETTO DI VALUTAZIONE FINALE.
Verifica dell'apprendimento
IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI È CERTIFICATO MEDIANTE IL SUPERAMENTO DI UN ESAME CON VALUTAZIONE IN TRENTESIMI. L'ESAME SI COMPONE DI DUE PARTI. LA PRIMA HA AD OGGETTO UN PROJECT WORK ELABORATO INDIVIDUALMENTE DALLO STUDENTE O DA UN GRUPPO DI LAVORO COSTITUITO DA UN NUMERO DI MEMBRI COMPRESO TRA I 2 E I 6 COMPONENTI. LE TEMATICHE OGGETTO DEL PROJECT SARANNO INDIVIDUATE IN MANIERA CONCERTATA CON IL DOCENTE E IL LAVORO SARÀ SVOLTO SOTTO LA COSTANTE GUIDA E SUPERVISIONE DELLO STESSO. I LAVORI PRODOTTI SARANNO PRESENTATI IN AULA, IN UN TEMPO MASSIMO DI 20 MINUTI PER CIASCUN GRUPPO. IN SEDE DI DISCUSSIONE SARANNO ILLUSTRATE LE FASI E GLI STRUMENTI DI IDEAZIONE E SVILUPPO DEL PROGETTO, LA METODOLOGIA ADOTTATA, L’ANALISI E LA DISCUSSIONE DEI RISULTATI OTTENUTI. DURANTE LA DISCUSSIONE, SUPPORTATA DA SLIDE O ALTRI STRUMENTI MULTIMEDIALI A SCELTA DEGLI STUDENTI, IL DOCENTE PORRÀ DOMANDE DI APPROFONDIMENTO TEORICO E CHIARIMENTI DI DETTAGLIO. A QUESTA PRIMA PARTE DELL’ESAME POTRÀ ESSERE ATTRIBUITA UNA VALUTAZIONE MASSIMA DI 10 PUNTI. LA SECONDA PARTE DELLA VALUTAZIONE PREVEDE UN COLLOQUIO ORALE, DELLA DURATA DI CIRCA 15 MINUTI, FINALIZZATO A VERIFICARE IL LIVELLO DI CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE RAGGIUNTO DAGLI STUDENTI SUI CONTENUTI TEORICI E METODOLOGICI COMPRESI NEL PROGRAMMA. IL DOCENTE FORMULERÀ DUE QUESITI GENERALI E DUE QUESITI SPECIFICI. A CIASCUNA DOMANDA SARÀ ATTRIBUITO UN PUNTEGGIO CHE SPAZIA DA 0 A 5, IN RELAZIONE ALLA CAPACITÀ DI ESPOSIZIONE DEL CANDIDATO. LA PROVA DI ESAME, NEL SUO INSIEME, CONSENTE DI ACCERTARE, OLTRE ALLA CAPACITÀ DI CONOSCENZA, COMPRENSIONE E DI APPLICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE, L’ABILITÀ DI ESPOSIZIONE, DI APPRENDIMENTO E DI ELABORAZIONE DI SOLUZIONI IN AUTONOMIA DI GIUDIZIO.
Testi
ARTICOLI E MATERIALE DIDATTICO A CURA DEL DOCENTE
  BETA VERSION Fonte dati ESSE3
  • Didattica