Progetti Finanziati

Ricerca Progetti Finanziati

DISPOSITIVI DI PRODUZIONE E CONTROLLO DELLE VITE

La ricerca si svilupperà attraverso l’analisi delle trasformazioni delle forme di potere governamentale nell’assetto contemporaneo, con particolare riferimento al passaggio da un sistema di controllo disciplinare ad uno bioeconomico, produttivo e incrementativo.La curvatura biologica che il potere ha assunto sulla vita è il fulcro sul quale, a seguito degli studi di Michel Foucault, si sono seminate le tracce di ricerca sulla biopolitica. In una prima fase verranno dunque analizzati gli sviluppi più recenti degli studi post-foucaultiani, cercando di prospettare le problematiche e gli incroci teorici che emergono in quelli che saranno considerati più rilevanti per la presente ricerca. Nella prospettiva dell’indagine il gruppo di ricerca si concentrerà su come la biopolitica abbia assunto oggi una ulteriore svolta a seguito delle trasformazioni tecnologiche, politiche, economiche e istituzionali impresse dalla globalizzazione. In particolare la seconda fase della ricerca si svilupperà attraverso una indagine teorica e fenomenologica degli ambiti in cui tale razionalità biopolitica si manifesta. Si tratta di un tipo di razionalità essenzialmente economica, rectius bio-economica, nel senso del mercato come luogo di produzione, di inclusione, veridizione e collegamento identitario dei soggetti: la sua logica è relazionale e strategica, economica, modellata sull’efficienza di tecniche orientate al problem solving. Una “nuova ragione del mondo” che si rivolge anche ad altri campi, prima dominati da altre tecniche; si analizzerà, perciò, in una fase successiva della ricerca la logica dei sistemi di valutazione che influiscono sempre di più in numerosi settori della vita lavorativa e sociale. Questi risultano particolarmente efficaci perché contengono una radice di auto-nomia, rispondono cioè ad un tipo di dinamica che si inserisce nella promessa dell’autogoverno e dunque del soggetto imprenditore di sé stesso. Questo aspetto assume particolare rilevanza, visto che il campo economico è strettamente prasseologico. Si procederà quindi ad una selezione di leading cases che investono forme di regolazione biopolitica, di riorganizzazione dell’azione governamentale del potere, in campi prima inimmaginabili. Questa fase sarà caratterizzata da una specifica indagine sui dispositivi che costituiscono la rete del governo "agìto", prima che "subìto", dagli individui stessi: tecniche di gestione del rischio (da quelli individuali a quelli dell’amministrazione dei territori); forme di auto imprenditorialità delle soggettività al lavoro; marketing; forme di empowerment del corpo collegate al fitness e alla salute e infine lo stesso dispositivo della “crisi”, che tanto si presta ad essere declinato nelle forme e nei modi più disparati e funzionali allo stato di eccezione permanente. L’ultima fase della ricerca sarà dedicata al ruolo sempre maggiore che nel nesso potere-sapere svolgono gli expertise: si proverà a dimostrare come essi facciano parte di un immaginario che rappresenta individui capaci di un'autogestione responsabile della propria vita, malgrado un’effettiva eteronomia “gestita” dai saperi esperti, a dimostrazione di una continua e "irrisolvibile" ambivalenza tra produzione (promozione, incremento) e normalizzazione: esperti in morale (comitati bioetici e agenzie dogmatiche e religiose), esperti del nostro benessere (medici, dietisti, genetisti),esperti di economia e del rischio (dal marketing alle assicurazioni). Esperti che in ogni caso non "ricompongono" le contraddizioni, anzi evidenziano la precarietà delle tecniche e delle strategie e illuminano un soggetto “potente” ma allo stesso tempo, appunto, precario, delicato, vulnerabile.

StrutturaDipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione/DISPC
Tipo di finanziamentoFondi dell'ateneo
FinanziatoriUniversità  degli Studi di SALERNO
Importo2.050,00 euro
Periodo7 Novembre 2014 - 6 Novembre 2016
Gruppo di RicercaESPOSITO Marianna (Coordinatore Progetto)
BAZZICALUPO Laura (Ricercatore)
FORTE FULVIO (Ricercatore)
LUCE Sandro (Ricercatore)
MARTONE Antonio (Ricercatore)
MESSINA SERGIO (Ricercatore)