UNISA FASE 3: anno accademico 2020/21

La Didattica che verrà

La Didattica che verrà

L’Ateneo di Salerno, così come ho avuto modo di sottolineare nel corso dell’ultimo Senato accademico, dovrà essere pronto a tutti gli scenari possibili all’inizio del I semestre. La modalità di erogazione delle lezioni dipenderà, infatti, dall’andamento del virus e dai relativi vincoli normativi di sicurezza indicati dagli enti governativi nazionali e regionali.

L’Università di Salerno è pronta a riprendere le attività didattiche in presenza, se le condizioni lo permetteranno; così come pure ad erogare i suoi corsi a distanza, qualora si verificasse un peggioramento rilevante nell’andamento della curva epidemiologica. In questo ultimo mese gli sforzi si sono concentrati anche sul terzo scenario possibile, ossia la cosiddetta modalità mista, che vedrebbe per il I semestre dell’a.a. 2020/21 le attività didattiche in presenza affiancate a quelle a distanza. Questo qualora l’andamento del virus non si discosti in maniera rilevante da quello attuale e acquisendo l’ultima normativa di sicurezza che sarà emanata dal governo.

In tal senso l’Università di Salerno sta lavorando all’adeguamento e all’aggiornamento degli spazi, attraverso la predisposizione nelle aule di nuove infrastrutture tecnologiche che possano supportare la modalità mista. Nelle prossime settimane sarà anche disponibile un’apposita applicazione web che consentirà di avere l’autorizzazione all’accesso ai campus e di prenotare il proprio posto in aula per seguire le lezioni. I Dipartimenti stanno già elaborando delle simulazioni dei calendari delle lezioni. Inoltre si sta perfezionando un protocollo di sicurezza dedicato, con la fattiva collaborazione di tutte le componenti della comunità universitaria. Ciò permetterà di gestire con attenzione ed efficacia le attività didattiche nei relativi spazi che le ospiteranno.

Qualunque sarà lo scenario che si dovrà affrontare, UNISA sarà pronta a iniziare insieme a tutti i suoi studenti, quelli iscritti e quelli che si iscriveranno per la prima volta, un nuovo e sereno anno accademico.

IL RETTORE

Vincenzo Loia

Pubblicato il 27 Luglio 2020

  • Home