FAQ Erasmus per Studio

Opportunità per Studenti FAQ Erasmus per Studio


Possono partecipare a bandi gli studenti dell’Università degli Studi di Salerno che sono regolarmente iscritti a corsi di studio di I, II e III ciclo e partecipano al bando relativo allo stesso corso di studio.

Consultare i siti web delle Università alle quali sei interessato e dove puoi reperire tutte le informazioni utili (requisiti linguistici, offerta formativa e scadenze da rispettare).

La partenza dipende dall'organizzazione didattica dell'Istituzione ospitante. In linea generale si può partire all'inizio del I o del II semestre per corsi semestrali o all'inizio dell'anno accademico per corsi annuali. È importante informarsi per tempo ed essere presenti all'inizio dei corsi e/o alle eventuali giornate di orientamento programmate dall'Istituzione ospitante.

Ogni studente può svolgere mobilità fino ad un massimo di 12 mesi (studio/traineeship/International Credit mobility) per ogni ciclo di studio: I ciclo (laurea triennale) II ciclo (laurea magistrale) III ciclo (dottorato di ricerca) e 24 mesi (12 mesi al massimo per anno accademico) di mobilità nel caso di corsi di laurea magistrale a ciclo unico.

La selezione degli studenti è effettuata dalla Commissione Mobilità Internazionale del Consiglio Didattico di appartenenza e i criteri di selezione sono riportati sul bando.

Lo studente deve visitare il sito internet dell’Ateneo di interesse per verificare i requisiti linguistici da possedere e la compatibilità dell’offerta didattica con il proprio piano di studio. N.B. I requisiti linguistici potrebbero variare e quindi non corrispondere più a quelli pubblicati insieme al bando.

Le selezioni sono effettuate dalle Commissioni Mobilità Internazionale dei Consigli didattici di appartenenza, secondo i criteri riportati nel bando:

  • numero esami sostenuti
  • merito accademico: media ponderata
  • voto di laurea per gli iscritti a corsi di laurea magistrale e dottorato di ricerca;
  • colloquio obbligatorio diretto ad accertare le motivazioni e le competenze linguistiche dei candidati. Il punteggio minimo per essere collocati in graduatoria è 10, il punteggio massimo è 40.

Ai fini della valutazione del merito accademico saranno presi in considerazione tutti gli esami superati con voto, sostenuti entro la data di scadenza del bando.

Ad eccezione di alcuni programmi di doppia laurea, la mobilità per studenti deve essere al minimo di due mesi e al massimo di dodici e concludersi obbligatoriamente entro il 31 luglio 2025. Mobilità di durata inferiore a 2 mesi non saranno finanziate. Solo la mobilità per dottorandi può essere anche per periodi brevi (5-30 giorni).

Gli studenti in mobilità NON possono seguire corsi e sostenere esami presso l’Università di Salerno e potranno conseguire il titolo di studio finale solo dopo il loro rientro dalla mobilità e dopo il riconoscimento dell’attività formativa svolta all’estero. Questa regola si applica a tutta la mobilità, dottorandi compresi.

Lo studente in mobilità è coperto da un’Assicurazione che prevede: la copertura di responsabilità civile e la copertura per infortuni nei luoghi del lavoro.

L’Ufficio Internazionalizzazione si occuperà di nominare gli studenti vincitori di borsa Erasmus presso le Università ospitanti.

L’Application è a cura dello studente che devi seguire le indicazioni fornite dall’Università ospitante per iscriversi.

È possibile partire per ricerca tesi tuttavia bisogna considerare che non sempre le Istituzioni ospitanti accettano studenti per tali attività. Molto dipende dall’ambito disciplinare di appartenenza dello studente e dal contatto che si riesce ad instaurare con i docenti dell’Università ospitante. Onde evitare problemi è sempre preferibile contattare per tempo i docenti con cui si intende lavorare.

Il tirocinio deve essere obbligatoriamente inserito in un Learning Agreement che prevede anche esami. È comunque opportuno verificare preventivamente con l’istituzione ospitante la disponibilità di un tutor e di un laboratorio dove poter svolgere tirocinio curriculare.

È necessario accedere all’Area Personale su Esse3, entrare nella sezione “Anagrafica” e successivamente nella sezione “Dati di Rimborso”. Verificare attentamente il corretto inserimento.

Devi inviare il modulo di rinuncia all’indirizzo email outgoingstudents@unisa.it. Non sarai penalizzato per una futura mobilità.

Ogni partecipante dovrà provvedere personalmente alla copertura sanitaria: se l’assegnatario è in possesso della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) ha automaticamente diritto alle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale in tutti i paesi aderenti all’Unione Europea. Tuttavia, la copertura della TEAM o di un’assicurazione privata può non essere sufficiente, soprattutto in caso di rimpatrio o di uno specifico intervento medico. Può quindi essere raccomandabile stipulare un’assicurazione privata aggiuntiva. Gli studenti in mobilità sono tenuti a provvedere autonomamente a garantirsi adeguata copertura sanitaria durante la permanenza all’estero, secondo le modalità previste dal Paese ospitante.

Solo gli esami presenti nel Learning Agreement ed effettivamente superati possono essere convalidati al rientro.

Se hai ricevuto l'approvazione sia del tutor interno che del tutor esterno allora troverai questa dicitura: "é stata ricevuta l'approvazione dall'ateneo di destinazione. Il learning agreement è approvato ufficialmente, per il dettaglio fare riferimento all'area delle "Note"".

Tutti i mercoledì e giovedì dalle ore 10:30 alle ore 12:30 potrete collegarvi con l'Ufficio Internazionalizzazione per porre i vostri quesiti.

Di seguito il link per accedere alla piattaforma TEAMS:

Question Time

Nei giorni immediatamente successivi all’arrivo è necessario:

  • presentarsi all’Ufficio Relazioni Internazionali dell’Istituzione ospitante per ottenere tutte le informazioni di rito e per far firmare, datare e timbrare l'Attestato di permanenza - Allegato C nella sezione "arrival" (La sezione "departure" dovrà essere datata, firmata e timbrata solo alla fine del soggiorno); i documenti devono essere privi di correzioni, altrimenti non saranno accettati;
  • inviare all'Ufficio Internazionalizzazione all’indirizzo outgoingstudents@unisa.it la copia dell’Attestato di permanenza.

Eventuali prolungamenti devono essere motivati da ragioni didattiche e devono essere approvati da entrambi i tutor. Il nostro Ufficio in base al numero effettivo di studenti partiti nel primo semestre, alle mobilità del secondo semestre e alle richieste di prolungamento, valuterà la possibilità di coprirle con borse aggiuntive. Il soggiorno, comprensivo di prolungamento, non può essere superiore ai 12 mesi e deve obbligatoriamente concludersi entro il 15 luglio.

Per il prolungamento è necessario:

  • verificare di avere mesi residui di mobilità disponibili (in caso di mobilità precedenti);
  • verificare la disponibilità dell’Università ospitante;
  • compilare il Modulo per il prolungamento;
  • richiedere la firma del tutor di Salerno e del tutor dell’Università ospitante;
  • trasmettere all'Ufficio Internazionalizzazione il modulo completo di firme e il nuovo Learning Agreement per dimostrare l'effettiva necessità del prolungamento (deve contenere il numero di CFU previsti nel piano di studio del secondo semestre).

È ammessa la riduzione del periodo di mobilità. In caso di riduzione del periodo di mobilità sarà richiesta la restituzione degli importi relativi ai giorni/mesi non goduti; in caso di mobilità inferiore a 60 giorni sarà richiesta la restituzione di tutto il finanziamento ricevuto.

  • Far compilare dall'Università ospitante la sezione “Departure” dell’Attestato di permanenza;
  • Richiedere all’Università di destinazione il Transcript of Records;
  • Assicurarti di avere tutte le firme sul Learning Agreement.

Lo studente prima della partenza firma un contratto di mobilità per un numero di mesi interi pari ai mesi dell’accordo e riceve un finanziamento su quel periodo. La mobilità dello studente tuttavia deve terminare a conclusione delle attività didattiche dell’Università ospitanti.

Del riconoscimento delle attività didattiche se ne occupano il Delegato alla mobilità internazionale del Consiglio didattico e il docente tutor. Dell'inserimento degli esami sul Libretto invece se ne occuperà l'Ufficio Carriere del tuo Dipartimento.

Chi si laurea prima di aver chiuso la mobilità e di aver ottenuto il riconoscimento dell’attività svolta all’estero dovrà restituire l’intero finanziamento ricevuto e la mobilità non verrà riconosciuta valida.

Lo studente, al fine di ottenere il riconoscimento delle attività svolte durante la mobilità, dopo il rientro sarà tenuto ad effettuare l’upload dei documenti di seguito riportati sulla propria pagina ESSE3 -> sezione Mobilità Internazionale.

  • Attestato di Permanenza, Attestato di permanenza (allegato C) compilato dall’Organizzazione ospitante, indicante le date di arrivo e di partenza. Non saranno accettati attestati che presentino cancellature;
  • Transcript of Records, certificato nel quale l’Istituzione ospitante dovrà riportare gli esami sostenuti dallo studente. Nel caso di mobilità per ricerca tesi il Transcript of Records potrà essere sostituito da un certificato attestante lo svolgimento dell’attività di ricerca e firmato dal tutor dell’Università ospitante;
  • Learning Agreement nella sua versione definitiva, completo in tutte le sezioni e con tutte le firme (NON IL RIEPILOGO);
  • Breve relazione o contenuto multimediale;
  • Giustificativi di viaggio nominativi in caso di viaggio green;
  • Modulo “Riconoscimento attività didattica mobilità per studio” o “Riconoscimento attività didattica mobilità per ricerca tesi”.

Lo studente in caso di errori nella presentazione dei documenti riceverà una e-mail di diniego da parte dell'Ufficio Internazionalizzazione contenente le modifiche da effettuare.

Lo studente dovrà inviare al proprio tutor una email per comunicargli l'avvenuto caricamento dei documenti, il quale si interesserà al riconoscimento della attività didattica.

N.B. Dopo aver ottenuto il riconoscimento dei CFU, avvisare l'Ufficio con una mail avente ad oggetto "SALDO BORSA A.A. (indicare)'' all’indirizzo outgoingstudents@unisa.it. Nella mail indicare NOME, COGNOME, MATRICOLA e n. di crediti riconosciuti per ciascun esame sostenuto durante la mobilità.

La borsa di studio è sempre da considerarsi un contributo parziale alle spese di mobilità ed è comunque legata ai risultati accademici e al periodo di mobilità effettiva. Al termine della mobilità Erasmus, il contributo finanziario è ricalcolato sulla base del numero di giorni di mobilità effettivamente svolti e secondo le modalità di conteggio previste dal programma Erasmus+; gli studenti che al termine della mobilità non consegnano tutti i documenti previsti dall’art. 21 saranno costretti a restituire tutti i finanziamenti ricevuti; gli studenti che decidono di interrompere la loro mobilità prima dei due mesi minimi previsti dal Programma, dovranno restituire i finanziamenti ricevuti fino a quel momento; chi si laurea prima di aver chiuso la mobilità e di aver ottenuto il riconoscimento dell’attività svolta all’estero dovrà restituire l’intero finanziamento ricevuto e la mobilità non verrà riconosciuta valida; gli studenti che hanno svolto l’intero periodo previsto dal contratto in mobilità ma che non completano alcuna attività di studio, che non ottengono alcun riconoscimento delle attività sostenute, che non richiedono il riconoscimento delle attività sostenute o che rifiutano il riconoscimento accordato, dovranno restituire la borsa MUR ricevuta; in caso di mancata restituzione delle somme richieste saranno attivati gli opportuni canali per il recupero del credito da parte dell’Università.

L’Università di Salerno rilascia la tabella di Distribuzione voti ECTS-CFU che tiene conto, per ogni Consiglio Didattico, della distribuzione statistica dei voti conseguiti da gruppi omogenei di studenti nei tre anni precedenti. Le tabelle sono strumenti che facilitano il trasferimento dei risultati accademici tra diversi sistemi nazionali di valutazione: esse rendono possibile la conversione dei voti di un paese in voti di un altro paese, sulla base di quanto riportato sul Transcript of Records rilasciato al termine della mobilità. Il riconoscimento pertanto non è omogeneo tra i diversi Consigli Didattici perché dipende dalle performance degli studenti nel singolo Consiglio Didattico nel triennio precedente.

Potrai monitorare l'approvazione dei documenti da parte del nostro Ufficio dalla tua Area Utente su ESSE3. Dopo l'approvazione dei documenti da parte nostra, dovrai avvisare il tuo tutor dell'avvenuta approvazione. Il tuo tutor potrà visualizzare a quel punto la documentazione sul proprio ESSE3 e potrà valutarla e provvedere al riconoscimento. Il tutor trasmetterà la documentazione all'Ufficio Didattica che si occuperà di effettuare il riconoscimento sul tuo Libretto. Quando vedrai le attività riconosciute sul tuo Libretto dovrai avvisarci così provvederemo al saldo della borsa.

Lo studente, al fine di ottenere il riconoscimento delle attività svolte durante la mobilità, dopo il rientro sarà tenuto ad effettuare l’upload dei documenti di seguito riportati sulla propria pagina ESSE3 -> sezione Mobilità Internazionale.

  • Attestato di permanenza (allegato C) compilato dall’Organizzazione ospitante, indicante le date di arrivo e di partenza. Non saranno accettati attestati che presentino cancellature;
  • Transcript of Records, certificato nel quale l’Istituzione ospitante dovrà riportare gli esami sostenuti dallo studente. Nel caso di mobilità per ricerca tesi il Transcript of Records potrà essere sostituito da un certificato attestante lo svolgimento dell’attività di ricerca e firmato dal tutor dell’Università ospitante;
  • Learning Agreement nella sua versione definitiva, completo in tutte le sezioni e con tutte le firme (NON IL RIEPILOGO);
  • Breve relazione o contenuto multimediale;
  • Giustificativi di viaggio nominativi in caso di viaggio green;
  • Modulo “Riconoscimento attività didattica mobilità per studio” o “Riconoscimento attività didattica mobilità per ricerca tesi”.

Lo studente in caso di errori nella presentazione dei documenti riceverà una e-mail di diniego da parte dell'Ufficio Internazionalizzazione contenente le modifiche da effettuare.

Lo studente dovrà inviare al proprio tutor una email per comunicargli l'avvenuto caricamento dei documenti, il quale si interesserà al riconoscimento della attività didattica.

N.B. Dopo aver ottenuto il riconoscimento dei CFU, avvisare l'Ufficio con una mail avente ad oggetto "SALDO BORSA A.A. (indicare)'' all’indirizzo outgoingstudents@unisa.it. Nella mail indicare NOME, COGNOME, MATRICOLA e n. di crediti riconosciuti per ciascun esame sostenuto durante la mobilità.

Il Transcript of Records va richiesto sempre all'Università ospitante anche nel caso in cui non siano state svolte attività in mobilità o non si abbia intenzione di farsi riconoscere le attività svolte in mobilità.

Gli studenti che hanno svolto l’intero periodo previsto dal contratto in mobilità ma che non completano alcuna attività di studio, che non ottengono alcun riconoscimento delle attività sostenute, che non richiedono il riconoscimento delle attività sostenute o che rifiutano il riconoscimento accordato, dovranno restituire la borsa MUR ricevuta (borsa legata all’ISEE).

Il Learning Agreement è il documento che stabilisce il programma di studio da seguire all’estero, è obbligatorio e deve contenere il numero di CFU previsti nel piano di studio dello studente. Tutti gli studenti, dottorandi compresi, devono essere in possesso di Learning Agreement approvato in ESSE3 prima della partenza, sia per attività di studio a tempo pieno che per ricerca tesi. A tal fine si evidenzia che le attività da svolgere all’estero proposte dallo studente, devono essere concordate e approvate dall’Università di appartenenza (docente tutor e/o delegato Mobilità Internazionale) e dall’Istituzione ospitante.

La guida per il compilare il Learning Agreement è presente in area web ESSE3.

Da menu: Mobilità Internazionale ->Bandi di Mobilità seleziona il bando al quale ti sei candidato, cliccando su Azioni (lente d'ingrandimento) e accederai alla pagina contenente il link alla guida.

È possibile inserire esami previsti sul Libretto che siano presenti sul Piano di studi dell’anno corrente, o relativi ad anni precedenti. Non possono essere inclusi esami previsti in anni successivi all’anno di frequenza.

Si ed è preferibile che il Learning Agreement sia modificato al massimo entro un mese dall’arrivo.

Se parti il primo semestre la scadenza è 31 ottobre; se parti il secondo semestre la scadenza è 1 marzo; se parti per l’intero anno accademico la scadenza è 1 marzo.

Se il tuo Learning Agreement è stato approvato attraverso EWP (su ESSE3) sia dal tutor interno che esterno, allora puoi modificarlo direttamente su ESSE3 e richiedere una nuova approvazione ad entrambi i tutor.

Se il tuo Learning Agreement su ESSE3 non ha ricevuto l’approvazione attraverso EWP di entrambi i tutor puoi utilizzare la versione cartacea presente al link: https://erasmus-plus.ec.europa.eu/document/higher-education-learning-agreement-for-studies-ka131-editable-version, inviandolo via mail ad entrambi i tutor per richiedere le firme. N.B. Prima del rientro dovrai comunque aggiornare il tuo Learning Agreement su ESSE3 in quanto la versione cartacea deve corrispondere a quella presente su ESSE3. In questo caso basterà solo l'approvazione del tutor interno. Per aggiornarlo contatta l’Ufficio all’indirizzo outgoingstudents@unisa.it.

Vedrai le modifiche sul tuo Learning Agreement su ESSE3 solo dopo aver ricevuto l'approvazione sia interna che esterna tramite EWP.

Se il tuo Learning Agreement su ESSE3 non è stato approvato sia internamente che esternamente tramite EWP puoi utilizzare la versione cartacea presente al link: https://erasmus-plus.ec.europa.eu/document/higher-education-learning-agreement-for-studies-ka131-editable-version, inviandolo via mail ad entrambi i tutor per richiedere le firme. N.B. Prima del rientro dovrai comunque aggiornare il tuo Learning Agreement su ESSE3 in quanto la versione cartacea deve corrispondere a quella presente su ESSE3. In questo caso basterà solo l'approvazione del tutor interno. Per aggiornarlo contatta l’Ufficio all’indirizzo outgoingstudents@unisa.it.

Lo studente assegnatario di una borsa Erasmus ha diritto alla borsa UE. Per quanto riguarda la borsa MUR e la borsa UNISA lo studente deve rispettare determinati requisiti previsti dal bando, in cui sono anche riportati gli importi.

È un finanziamento differenziato a seconda del numero di CFU riconosciuti al rientro dalla mobilità. L’importo della borsa è stabilito annualmente ed è riportato sul bando.

N.B. Eventuali riconoscimenti di esami “sovrannumerari” non concorreranno al raggiungimento di suddetto contributo.

Per borsa UE si intende il contributo mensile da attribuire agli studenti che è così differenziato:

  • Gruppo 1 (costo della vita alto): Danimarca, Finlandia, Islanda, Irlanda, Lussemburgo, Svezia, Regno Unito, Lichtenstein, Norvegia, Svizzera - € 350 mensili;
  • Gruppo 2 (costo della vita medio): Austria, Belgio, Germania, Francia, Grecia, Spagna, Cipro, Paesi Bassi, Malta, Portogallo - € 300 mensili;
  • Gruppo 3 (costo della vita basso): Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Ungheria, Polonia, Romania, Repubblica Slovacca, Slovenia, Macedonia, Turchia - € 250 mensili.

Il suddetto importo, moltiplicato per i mesi di permanenza stabiliti nel contratto di mobilità, sarà attribuito allo studente prima della partenza o durante il soggiorno.

È un finanziamento differenziato a seconda della fascia di reddito di appartenenza dello studente (D.M. n. 1047 del 29/11/2017) così suddiviso:

  • Fino a € 13.000,00: € 450,00 mensili
  • Da € 13.000,01 a € 21.000,00: € 400,00 mensili
  • Da € 21.000,01 a € 26.000,00: € 350,00 mensili
  • Da € 26.000,01 a € 30.000,00: € 300,00 mensili
  • Da € 30.000,01 a € 40.000,00: € 250,00 mensili
  • Da € 40.000,01 a € 50.000,00: € 200,00 mensili

Sono esclusi dal suddetto contributo:

  • gli studenti che non presentano la dichiarazione ISEE o coloro che siano in possesso di un ISEE superiore a € 50.000,00;
  • gli studenti che, al momento della partenza, risultino iscritti al 2° anno fuori corso e anni successivi;
  • gli studenti ai quali al rientro non venga riconosciuto nessun credito.

Gli studenti diversamente abili selezionati nell’ambito del programma Erasmus+ potranno ricevere un contributo comunitario specifico, previa richiesta da inoltrare all’Agenzia Nazionale Erasmus+/Indire per il tramite dell’Ufficio Internazionalizzazione.

Al termine della mobilità Erasmus, il contributo finanziario è ricalcolato sulla base del numero di giorni di mobilità effettivamente svolti e secondo le modalità di conteggio previste dal programma Erasmus+. È possibile calcolare il finanziamento totale attraverso il calcolatore presente sul sito (2023/24; 2024/25).

Gli studenti che al termine della mobilità non consegnano tutti i documenti previsti saranno costretti a restituire tutti i finanziamenti ricevuti.

Gli studenti che decidono di interrompere la loro mobilità prima dei due mesi minimi previsti dal Programma, dovranno restituire i finanziamenti ricevuti fino a quel momento.

Gli studenti che hanno svolto l’intero periodo previsto dal contratto in mobilità ma che non completano alcuna attività di studio, che non ottengono alcun riconoscimento delle attività sostenute, che non richiedono il riconoscimento delle attività sostenute o che rifiutano il riconoscimento accordato, dovranno restituire la borsa MUR ricevuta (borsa legata all’ISEE).