Progetti Finanziati

Ricerca Progetti Finanziati

LA CARTOGRAFIA TEMATICA TRA SCIENZA ED ARTE. PERCORSI DIDATTICI E DI RIFLESSIONE

Il lavoro intende evidenziare il contributo che i metodi della geografia applicata ed in particolare la cartografia tematica possono offrire all’analisi dei fenomeni sociali, politici ed economici.In tempi recenti la diffusione dei mezzi informatici e della rete telematica, i progressi nel campo della fotografia digitale e del telerilevamento, la maggiore circolazione sul mercato di dati territoriali e soprattutto l’avvento dei GIS e di programmi di cartografia computerizzata utilizzabili on line hanno rivoluzionato il mondo della cartografia. Ciò se da un lato ha determinato nuove e stimolanti prospettive di sviluppo, dall’altro ha eccessivamente “democratizzato” lo strumento cartografico. Come osserva Guarrasi (2003, p. 120) «utilizzando il geografo automatico qualsiasi tecnico (persino l’uomo della strada) potrebbe condurre analisi di ecosistemi naturali, paesaggi storici e spazi geografici». Tuttavia, le possibilità di successo di un approccio technology driven non possono essere soddisfacenti, giacché la carta è un testo con un suo specifico linguaggio e come tale va utilizzata. Ciò significa che anche solo per leggere una carta, cogliere in essa le forme, o per dirla alla Brunet, le «figure» di organizzazione territoriale, interpretare le tendenze e le trasformazioni in atto, individuare legami, elementi trainanti, rotture e luoghi del cambiamento occorre disporre di una preparazione scientifica adeguata e di un solido apprendistato e nello stesso tempo essere consapevoli degli aspetti di discrezionalità e parzialità che caratterizzano ogni carta, in particolar modo quelle tematiche.In quest’ottica il lavoro -che intende rivolgersi non solo agli studenti ma anche a tutti coloro, professionisti e accademici, che fanno largo uso delle rappresentazioni cartografiche, ma non sono specialisti della materia- mira a descrivere il percorso di costruzione cartografica a partire dalla fase di raccolta dei dati che a sua volta implica la scelta delle varabili da analizzare, delle scale territoriali d’indagine e delle fonti da utilizzare per poi soffermarsi sulla successiva fase di decodifica, organizzazione e trattamento delle informazioni acquisite sino a giungere alla fase finale quella della restituzione cartografica. Ciascuno di questi passaggi sarà illustrato da casi di studio, diretti a dimostrare come, al di là degli aspetti squisitamente tecnico-informatici, la realizzazione di carte tematiche sia strettamente connessa con l’ideazione, la progettazione e soprattutto con il sapere geografico e la cultura creativa ed interpretativa della carta.

StrutturaDipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione/DISPC
Tipo di finanziamentoFondi dell'ateneo
FinanziatoriUniversità  degli Studi di SALERNO
Importo1.600,00 euro
Periodo11 Dicembre 2013 - 11 Dicembre 2015
Gruppo di RicercaIOVINO Giorgia (Coordinatore Progetto)
BENCARDINO Massimiliano (Ricercatore)
RESCIGNO Giuseppe (Ricercatore)