Progetti Finanziati

Ricerca Progetti Finanziati

LA MOBILITA' SANITARIA CAMPANA : LE DETERMINANTI.

Com'è noto, il mezzogiorno del Paese ed in particolare la Campania, rappresentano le aree che mostrano , da un lato, indicatori di salute meno favorevoli, e dall'altro, le maggiori limitazioni nell'accessibilità, nella qualità e negli esiti delle cure. Ad oggi la Campania detiene il record negativo nazionale ed europeo della mobilità sanitaria dei propri pazienti verso altre regioni, con implicazioni estremamente negative per il bilancio della Regione. Si vogliono perciò esaminare le determinanti della mobilità sanitaria campana secondo due filoni. a) Comprendere le motivazioni che conducono a viaggiare per salute ed, al contempo, mappare le caratteristiche socio demografiche dei pazienti "itineranti" . Si cerca di rispondere alle domande che seguono: chi viaggia alla ricerca di un'offerta più adeguata, è soddisfatto dalle prestazioni sanitarie ricevute? Quali sono, inoltre le determinanti dell'adeguatezza percepita delle prestazioni sanitarie? Che ruolo svolgono le informazioni: i viaggi della salute si svolgono sulla base della conoscenza approfondita del centro medico di riferimento oppure sulla base delle proprie reti sociali? Fruiscono tutti allo stesso modo della possibilità di muoversi alla ricerca di cure migliori? b)Comprendere se è come il medico di base posso rappresentare un significativo nodo di rete informativo su quella parte di spostamenti definibili ragionati, esito della corretta informazione sul tipo e sull'appropriatezza della cura fruibile in una struttura non campana. L'atteggiamento del medico di base nei confronti del sistema sanitario campano è riportato alla nozione organizzativa di comittment e valutato come antecedente significativo alle decisioni di mobilità dei pazienti. il lavoro prevede la somministrazione di due questionari, di cui uno rivolto ai pazienti con esperienza di cura fuori della campania effettuata negli ultimi cinque anni, e l'altro ai medici salernitani, ed , a seguito ad una quota significativa di medici campani. i questionari saranno somministrati da un gruppo di rilevatori presso gli ambulatori , con l'autorizzazione dei medici di base.Circa i contenuti, il questionario rivolto ai pazienti riproduce, ampliandolo , l'esperienza pilota del questionario AGenas, somministrato nel 2010 ad un campione di pazienti italiani in mobilità pari a 1000 unità.Tale questionario è prevalentemente rivolto alla individuazione delle determinanti della mobilità ed ha un valore comparativo essenziale rispetto ai risultati che s'intendono ottenere, limitati alla popolazione campana. In aggiunta il questionario elaborato, in risposta alle domande di ricerca sub A, prevede item relativi alla patient satisfaction secondo PSQ18 questionnaire- short form (Marshall and Hays,2001), item relativi alle reti sociali ed al flusso di informazioni, ed infine, item relativi alle caratteristiche socio-demografiche. Per quanto riguarda il questionario somministrato ai medici di base, alcuni itemsaranno dedicati alla comprensione del ruolo del medico nelle scelte di mobilità. Una parte centrale sarà dedicata alle scale di committment (Mayer and Allen, 1991)Si vuole in questa direzione proporre una lettura innovativa del committment, genericamente associato alle decisioni dello stesso soggetto ( assenteismo, decisioni di cambiamento lavorativo o di permanenza)appartenente all'organizzazione, in questo caso associato e considerato antecedente causale delle decisioni di mobilità dei pazienti. I risultati del questionario e le successive elaborazioni i) ricostruiranno le motivazioni dei viaggi, il ruolo delle reti ed il ruolo del medico di base a riguardo ii) individueranno le criticità percepite del sistema campano. iii)proporranno soluzioni per una necessaria inversione di tendenza.

StrutturaDipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione/DISPC
Tipo di finanziamentoFondi dell'ateneo
FinanziatoriUniversità  degli Studi di SALERNO
Importo1.900,00 euro
Periodo7 Novembre 2014 - 6 Novembre 2016
Gruppo di RicercaTROISI Roberta (Coordinatore Progetto)
CRISCUOLO IMMACOLATA (Ricercatore)
GARZILLO CARMINE (Ricercatore)
NESE Annamaria (Ricercatore)
PICIOCCHI Paolo (Ricercatore)
SICA STEFANO (Ricercatore)
VINCI Concetto Paolo (Ricercatore)