Progetti Finanziati

Ricerca Progetti Finanziati

LA LINGUA SPAGNOLA NELLA COMUNICAZIONE POLITICA: IL LESSICO E LA PERMEABILITÀ AGLI ANGLICISMI

E' risaputo che tra la lingua e la società esiste una relazione stretta, dal momento che la prima riflette i cambiamenti politico-sociali che i paesi vivono: nel caso concreto della Spagna, è dalla transizione democratica che si iniziano a produrre cambiamenti di grande spessore. La ricerca vuole esaminare il linguaggio politico spagnolo attuale, ed in concreto il lessico procedente dalla lingua inglese, con lo scopo di analizzare lo stato attuale di permeabilità di questa lingua. Dal momento che si studieranno in modo particolare testi giornalistici, una volta definiti i concetti di 'anglicismo' e di 'linguaggio politico', si osserveranno le simmetrie tra il linguaggio politico ed il giornalistico; infine si analizzerà un corpus per verificare empiricamente la presenza degli anglicismi in questo linguaggio. Il primo passo sarà dunque studiare le principali caratteristiche del linguaggio politico, esaminando le teorie di diversi studiosi. Secondo Coseriu non esiste un linguaggio politico, ma un linguaggio impiegato per fini specifici. Ciò implica che il discorso politico può essere inteso come una classe solo per quanto riguarda il suo contenuto extralinguistico; la sua efficacia è l'efficacia pratica, in cui ha importanza l'aspetto valorativo ed appellativo, piuttosto che il contenuto informativo. Per offrire una definizione del linguaggio politico, sarà dunque necessario partire da una serie di categorie (gerga, linguaggio speciale, etc.) e teorie sullo stesso. In un secondo momento, saranno analizzate le caratteristiche condivise tra il linguaggio politico e giornalistico (entrambi sono linguaggi professionali all'interno della lingua comune, essendo linguaggi settoriali; assorbono vocaboli nuovi, tecnicismi e parole straniere; la persuasione è una caracteristica del linguaggio politico, ma può esserla anche del giornalistico; lo stesso linguaggio giornalistico può avere un valore politico; impiegano procedimenti di generazione lessicale simili, come la prefissazione e la suffissazione; entrambi ricorrono all'allungamento delle parole, impiegano eufemismi, sono sempre più permeabili al linguaggio colloquiale nonché volgare, etc. Una volta studiate queste caratteristiche e prima di analizzare i testi del corpus si pensa che sia necessario osservare gli anglicismi politici presenti nel dizionario DRAE. Per quanto riguarda il corpus e la sua analisi, la scelta del tema è determinata dall'obiettivo principale del lavoro, ovvero, la presenza degli anglicismi nel discorso politico attraverso il linguaggio giornalistico attuale. Quindi si sceglierà un avvenimento internazionale attuale recente per usarlo come base per la selezione dei testi che andranno a formare il corpus, che sarà poi analizzato da un punto di vista quantitativo e qualitativo. Per quanto riguarda i testi, si utilizzeranno i giornali di maggiore diffusione in Spagna, ovvero El País e El Mundo, nella loro versione digitale, per la ovvia comodità che questo formato offre ai fini della localizzazione e processamento dei testi. Per analizzare i dati, si userà il TermoStat Web 3.0. Infine, non si esclude un tipo di analisi comparativa tra la lingua spagnola e la italiana sulla permeabilità all'inglese. La lingua inglese continua ad esercitare un grande influsso sulle altre lingue, motivo per il quale si considera necessaria una riflessione sul livellamento culturale internazionale favorito dalla globalizzazione anche per avere un continuo monitoraggio sullo stato attuale di una lingua parlata da più di 400 milioni di persone.

StrutturaDipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione/DISPC
Tipo di finanziamentoFondi dell'ateneo
FinanziatoriUniversità  degli Studi di SALERNO
Importo1.568,00 euro
Periodo29 Luglio 2016 - 20 Settembre 2018
Gruppo di RicercaMINERVINI Rosaria (Coordinatore Progetto)
COLUCCIELLO MARIAROSARIA (Ricercatore)
SCOCOZZA Antonio (Ricercatore)